Whistleblowing. Le PA devono dotarsi di sistemi informatici per le segnalazioni

referee-1149014_1280-min.jpg

La funzione Whistleblowing del modulo Anticorruzione di Strategic PA® soddisfa le linee guida ANAC di sicurezza e riservatezza per la segnalazione di illeciti nella PA, a tutela del dipendente pubblico segnalante.

La Legge n.179 del 30 novembre 2017 tutela i “whistleblowers”, recependo le Linee Guida dell’Autorità Nazionale Anticorruzione ANAC (Determinazione n.6 del 28 aprile 2015). Le pubbliche amministrazioni sono tenute a adeguarsi anche sotto il profilo della gestione informatica delle segnalazioni.

 

Scopri il modulo Anticorruzione di Strategic PA®

Che cos’è il whistleblowing?

Whistleblowing” è un termine di origine anglosassone, che definisce l’azione di segnalare irregolarità o illeciti da parte di dipendenti di enti, amministrazioni o aziende private. Il “whistleblower” è frequentemente un dipendente dello stesso ente o azienda. Per la sua denuncia rischia di essere sottoposto a ritorsioni e pressioni. La legge n.19 del 30.11.17, pubblicata in Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.291 del 14.12.2017 aumenta le tutele verso i segnalanti.

 

Le linee guida ANAC per i sistemi informatici di segnalazione nelle PA

Uno degli aspetti toccati dalle linee guida ANAC è quello della gestione informatica delle segnalazioni. Le PA sono tenute a dotarsi di un sistema che contempli una parte organizzativa e una informatica.

Il sistema di gestione adottato dalle amministrazioni deve garantire:

  • Trasparenza, anche per consentire al segnalante di verificare lo stato della segnalazione;
  • Riservatezza dell’identità personale del segnalante e dei contenuti della segnalazione;
  • Tutela del segnalante e di chi gestisce le segnalazioni.

L’identità del segnalante è riservata ma non anonima: al segnalante va attribuito un codice identificativo. Si raccomanda una lettura integrale del testo di legge e delle Linee Guida per ulteriori informazioni sui termini giuridici previsti in materia.

La gestione informatica del whistleblowing nelle Pubbliche Amministrazioni

Le PA sono tenute a dotarsi di uno strumento informatico idoneo a mantenere riservata l’identità del segnalante. Sul sito di ANAC, inoltre, è disponibile un sistema di segnalazione per il whistleblower che voglia rivolgersi direttamente all’Autorità.

Alle amministrazioni che non ottemperano agli obblighi in materia di whistleblowing sono comminabili sanzioni fino a 50.000€. Ad esempio,  “qualora  venga accertata l’assenza di procedure per l’inoltro e  la  gestione  delle segnalazioni ovvero l’adozione di procedure non conformi a quelle  di cui  al  comma  5,  l’ANAC  applica  al  responsabile   la   sanzione amministrativa pecuniaria da 10.000  a  50.000  euro” (cfr Legge 30 novembre 2017 n.179, art.1 comma 6).

Le amministrazioni devono poi praticare alcune scelte per la corretta gestione delle procedure, stabilendo in quale luogo fisico conservare i dati; le politiche di riservatezza;  le politiche di accesso, protezione e conservazione dei dati.

Per un approfondimento su tutti gli adempimenti a cui le PA sono tenute, si invita a una lettura del testo di legge e delle Linee Guida ANAC.

 

Cosa deve prevedere un sistema informatico per il whistleblowing?

Il sistema informatico adottato dalle PA per la gestione del whistleblowing deve rispondere ad alcuni requisiti:

  • Deve dare accesso al sistema solo a chi ne ha diritto;
  • Deve tenere traccia delle operazioni;
  • Deve garantire riservatezza, integrità e disponibilità dei dati;
  • Deve utilizzare protocolli sicuri per la trasmissione dei dati e sistemi di crittografia end-to-end.

È bene, poi, che la Pubblica Amministrazione svolga un’attività di valutazione sul rischio informatico per i dati conservati e prevedere un modello organizzativo funzionale per la gestione delle segnalazioni anticorruzione. Altre pratiche da seguire sono quelle relative i tempi di conservazione dei dati e la sicurezza degli stessi.

Perché scegliere il modulo Anticorruzione di Strategic PA

Strategic PA® è un prodotto di Ecoh Media, con un focus sull’anticorruzione,  grazie a un modulo omonimo. Il modulo Anticorruzione punta, infatti, alla prevenzione della corruzione sfruttando una tecnologia 100% web. È inoltre possibile identificare nell’ente il livello di rischio in materia di corruzione, e le misure necessarie. Si tratta di una soluzione efficace anche per adempiere al Piano Nazionale Anticorruzione.

Il sistema di whistleblowing di Strategic PA®  è una funzione all’interno del modulo Anticorruzione. È uno strumento flessibile e di facile utilizzo, in linea con la legge 179/2017 e le linee guida ANAC.  La funzione soddisfa le esigenze di sicurezza e riservatezza per la segnalazione di illeciti nella Pubblica Amministrazione, a tutela del dipendente pubblico segnalante.

 
Editor StrategicWhistleblowing. Le PA devono dotarsi di sistemi informatici per le segnalazioni
Condividi questo post